Raretracce

Cultura – Politica – Musica / America – Roma – Brindisi

A Las Vegas i Repubblicani giocano a carte scoperte/3

Il faccia a faccia dei Repubblicani in Nevada – Il The Post Internazionale ha seguito il dibattito di martedì sera a Las Vegas in cui i candidati alla Casa Bianca si sono sfidati apertamente senza esclusione di colpi

Parte terza – SI rientra in studio dopo lo stacco pubblicitario. Il tempo di un breve passaggio sul credo religioso dei candidati e si torna a parlare di temi più corposi, come i cinquecento miliardi di dollari che saranno tagliati al comparto difesa. Tutti i candidati concordano sull’inadeguatezza delle risorse militari. Ovviamente Ron Paul sfodera il suo cavallo di battaglia sul ritiro immediato delle truppe all’estero, anche in Afghanistan. “E’ ora di tornare a casa” afferma tra gli applausi scroscianti del pubblico di Las Vegas. Finalmente c’è spazio per la politica estera, si parla del caso di Gilad Shalit, il soldato israeliano per anni in mano ad Hamas, e della possibilità di trattare con i terroristi. Cain appare un po’ confusionario mentre gli altri candidati confermano la totale contrarietà a ogni tipo di trattativa con le organizzazioni terroristiche.

La discussione si sposta sul tema degli aiuti ai paesi esteri. Per Ron Paul andrebbero tagliati del tutto mentre Romney appare più cauto affermando che questi sono una garanzia di sicurezza per molti paesi del mondo. Michelle Bachmann attacca Obama sulle politiche in Medio Oriente e conferma il bisogno di maggior sostegno allo stato di Israele. Siamo alle fasi finali. Anderson Cooper mostra il sondaggio della settimana che conferma: il 41% degli elettori repubblicani pensano che il governatore Romney abbia le migliori possibilità di battere Barack Obama. C’è tempo solo per i saluti finali in cui Perry e Romney non esitano a battibeccare. Herman Cain punta sull’esperienza da selfmademan per conquistare gli indecisi dell’ultimo minuto. E mentre Michelle Bachmann cita nuovamente Ronald Reagan lo spettacolo pian piano si spegne lasciando spazio ai tanti commentatori presenti in sala.

Un dibattito, quello di martedì sera, che sembra dimostrare ancora una volta la superiorità di Mitt Romney nel tenere testa a tutti gli altri candidati argomentando in modo chiaro le proprie proposte e mantenendo sempre la calma. Herman Cain al contrario appare un po’ troppo vago in tema di politica estera e difesa. Nella prima parte dello show sembra quasi accerchiato dagli altri candidati che provano a tutti i costi a metterlo in difficoltà sul suo piano fiscale, giudicato troppo semplicistico. Rick Perry non è nella sua miglior serata. Sembra troppo nervoso e irritabile ma è abile nel riuscire a spendere bene i notevoli risultati positivi ottenuti alla guida del Texas.

Ron Paul invece conferma la sua linea libertaria in materia fiscale e la sua atipicità repubblicana quando si parla d’interventismo e diplomazia. Michelle Bachmann prova più volte a orientare la discussione sui fallimenti dell’amministrazione Obama anziché attaccare i propri avversari, una strategia che a lungo andare sembra possa dare i propri frutti. Rick Santorum e Newt Gingrich sono apparsi invece un po’ meno convincenti e hanno cercato, con interventi mirati, di fare breccia su pezzi ben precisi dell’elettorato. In conclusione, pur trovandoci al decimo appuntamento pubblico tra gli sfidanti per le primarie del GOP, appaiono ancora tante le distanze tra ognuno dei diversi candidati. Il rischio è che tutto ciò non faccia altro che enfatizzare ulteriormente le divisioni in casa repubblicana e lanciare invece un altro assist a Barack Obama per l’importante partita del 2012.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: