Raretracce

Cultura – Politica – Musica / America – Roma – Brindisi

Ma l’immigrato americano è “buono” o “cattivo”? Chiedetelo alla politica

L’America di oggi vive lo spaventoso aumento dell’immigrazione clandestina e si interroga sull’imposizione di nuove leggi di repressione. Nonostante tutto, gli americani si confermano un popolo accogliente. Viene da chiedersi come è cambiato il fenomeno dell’immigrazione in questi tre anni di amministrazione Obama e come viene percepito dai cittadini americani.

Partiamo dai dati: secondo il Census Bureau, gli immigrati negli Stati Uniti sono circa 38,5 milioni, pari al 12,5 per cento della popolazione totale. Si stima che gli immigrati clandestini o con documenti scaduti siano poco meno di 11 milioni. Quasi il 30 per cento di tutti gli stranieri regolari residenti negli Stati Uniti è di origine messicana. Percentuali minori ma comunque consistenti sono quelle dei residenti filippini, indiani e cinesi. Sembra passato un millennio da quando gli immigrati provenivano in massa dai paesi europei. Basti pensare che il 13 per cento dei figli di immigrati nati negli Stati Uniti nel 1960 era di origine italiana, seguiti da tedeschi e canadesi.

I tempi sono cambiati e osservando i recenti sondaggi GALLUP scopriamo che quasi un americano su due ritiene che la presenza di immigrati negli Stati Uniti debba diminuire. Tra questi, circa la metà sono elettori repubblicani. Al contrario, gli americani favorevoli a un aumento dell’immigrazione sono circa il 18 per cento, la metà dei quali sotto i cinquant’anni.

Negli ultimi dieci anni la maggioranza dell’opinione pubblica americana ha identificato il fenomeno migratorio come una risorsa per la nazione: il 59 per cento dei cittadini americani crede che l’immigrazione rappresenti un fattore positivo per il Paese. Il 37 per cento sostiene il contrario. Ma il 53 per cento si dichiara favorevole a concedere la cittadinanza a chiunque nasca sul territorio americano.

Osservando i dati dell’ultimo Transatlantic Trends of Immigration, realizzato dalla German Marshall Fund e dalla Compagnia di San Paolo insieme ad altri partner, emerge che la divisione ideologica è tale da riflettere l’orientamento politico dei cittadini. Riguardo l’immigrazione clandestina, per esempio, solo un elettore democratico su due esprime preoccupazione. Al contrario, invece, il 72 per cento circa dei repubblicani si dice fortemente preoccupato. Rispetto alle forme d’intervento verso gli immigrati irregolari, il 58 per cento dei democratici si dice favorevole alla regolarizzazione di questi ultimi. Due Repubblicani su tre concordano sulla necessità di rimpatrio per i clandestini.

Ma il tema dell’immigrazione impensierisce relativamente gli elettori di Barack Obama: solo il 9 per cento dei democratici lo ritiene una reale fonte di preoccupazione. In questi anni l’attuale amministrazione ha provato ad aumentare il sostegno agli immigrati. Un esempio si è avuto con lo State Children’s Health Insurance Program con cui si è assicurata l’assistenza medica alle famiglie dei ceti medio bassi tra cui, per la prima volta, anche agli immigrati regolari.

Altro importante passo è quello del DREAM Act, presentato a maggio ma ancora fermo in Senato, che riconoscerebbe la cittadinanza ai ragazzi che da anni vivono e studiano negli Stati Uniti senza regolare permesso. Anche nel campo della prevenzione è stato fatto tanto: dalla costruzione del muro al confine meridionale con il Messico, fino alla norma per aumentare il bollo su tutti i visti di lavoro.

Così, giusto o sbagliato che sia, la Casa Bianca resta convinta della necessità di varare una grande riforma sull’immigrazione per dare sostegno ai clandestini che quotidianamente danno il proprio contributo all’economia americana. Ma Obama dovrà dimostrare di saper gestire al meglio “uno dei temi portanti del prossimo mezzo secolo“.

The Post Internazionale 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: