Raretracce

Cultura – Politica – Musica / America – Roma – Brindisi

Il rock pop degli innamorati Cutting Crew

Dalla mia rubrica per il blog aromadi80:
Avevo promesso di risalire pian piano attraverso le annate di questo fantastico decennio, il protagonista di questo blog. Dopo aver parlato per settimane di brani del 1983 finalmente mi sono deciso ad avanzare. Oggi con il nostro walkman ripercorriamo la storia e le curiosità di un brano capace di dominare le vette Statunitensi, cosa già piuttosto difficile.
Ma che dire se a fare tutto ciò sia un gruppo Inglese? Chapeau ! Ecco quindi la storia dei Cutting Crew nata a metà degli anni ’80 nella piovosa Inghilterra. cutting-crew
Per quanto abbiano fatto tre album ( più una collezione recente di brani rimasterizzati) il loro nome riporta quasi unicamente ad un brano secondo sensazionale per quell’epoca. Il motivo è semplice: mentre in quegli anni spopolava la cultura pop ( proprio negli stessi giorni di questo brano una giovane Madonna cantava “Holiday” sul palco di Philadelphia) che ha caratterizzato totalmente la musica anni ’80, i ragazzi dei Cutting Crew produssero un brano capace di stare nel mezzo.
Mi spiego meglio: sicuramente contraddistinta da suoni, melodie e tecniche del tutto in voga in quel periodo ( l’intro della canzone è uno dei maggiori esempi) si scorge comunque l’impronta rock caratterizzata da scintillanti chitarre elettriche e da una batteria “pura” e non condizionata da pianole e suoni elettronici così amati in quel periodo. Il brano, ormai l’avrete capito, è “(i just die) in your arms” e appare come un chiaro riferimento al momento sessuale con una donna.
La storia infatti racconta che Nick Van Eede stesse nel bel mezzo di un rapporto con la propria fidanzata quando pensò a questo brano. E il riferimento alla morte nelle braccia della sua donna è un parallelismo con qualcosa di più spinto. Lasciamo questa strana storia per vedere dove avete potuto ascoltare questo fantastico pezzo. Per gli amanti degli anni ’80 è un “must” non c’è dubbio ma sono sicuro che anche per i ventenni o giù di lì questa canzone richiami a un qualcosa di famigliare.
Il motivo è semplice: se anche voi avete vissuto parte della vostra giovinezza giocando al mitico Gta Vice City non avete potuto evitare di canticchiare questa canzone, uno dei cavalli di battaglia della mitica radio “Emotion 98.3”. Tuttavia anche per i meno appassionati di playstation c’è la possibilità di aver sentito questo brano in qualche altra versione. “(i just die) in your arms”è infatti presente in una serie ampissima di cover. Almeno una ventina eseguite dai più disparati artisti, che siano versioni Metal, è il caso degli australiani “Lord” o Hip Hop, come nel caso della cover del rapper americano “Crooker I”. Un richiamo nascosto è anche presente nel famoso brano di Rihanna “Sos” che nel ritornello canta: “Take me on, I could just die up in your arms tonight”.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: