Raretracce

Cultura – Politica – Musica / America – Roma – Brindisi

Anche negli ’80 si ama il rock and roll!

Un mio articolo per il blog aromadi80

Può un brano specificatamente rock divenire uno dei tormentoni dei primi anni ottanta? Ebbene si, specie se si tratta, come accade spesso in questi casi, di una cover di una canzone del decennio precedente.
E’ indubbio, infatti, che come si usa associare il pop agli anni ottanta,allo stesso modo, il decennio che parte dal 1970 sia chiarosinonimo di musica rockeggiante e potente, sia essa quella dei Led Zeppelin o magari dei mitici Iron Maiden.
Ecco , proprio un gruppo rock appartenente ai mitici ’70 è protagonista della rubrica di oggi. Per la precisione non tanto il gruppo che ha avuto l’onore di produrre il brano di oggi, i The Arrows, ma la frontgirl Joan Jett.
Eccentrica cantante delle Runaways, gruppo di sole donne nato a metà anni settanta, la bruna Joan è anche chitarrista, bassista e perfino attrice e produttrice cinematografica.
E’ a lei che diamo il merito di aver tirato su la cover più bella di un glorioso brano: “I love rock and Roll”.
La canzone è una delle più note della musica, fonte di cover di gruppi giovanili, immancabile in ogni serata discorock nei locali.
In origine era una brano degli Arrows appunto ma, successivamente, la Jett, vedendo una loro esibizione mentre era in Tour in Inghilterra, decise di farne una propria versione.iloverock
Ci provò due volte: nel primo caso il risultato fu discreto ma non eccezionale.
Pur se accompagnata da mostri sacri come Steve Jones e Paul Cook, rispettivamente chitarrista e batterista dei Sex Pistols, la prima versione, nel 1979 non ebbe molto successo.
La Jett così ci riprovò tre anni dopo, nel 1982, e con il suo nuovo gruppo, i Blackhearts, registrò di nuovo il brano realizzando probabilmente la cover più bella di questa gloriosa canzone.
Inutile dire come, con questo pezzo, i Blackhearts balzarono al primo posto in numerosissimi paesi del globo ed entrarono nella importantissima Billboard Hot 100 statunitense.
Il video che vedete a fine articolo è quello di Joan Jett: tre minuti  e mezzo di pura adrenalina in bianco e nero. Immagini che Mtv trasmise per settimane.
Molto curiosa è comunque una ulteriore versione, non una vera e propria cover ( fatta anni dopo da Britney Spears) ma una campionatura che i Five, boyband di metà anni novanta, utilizzò per il brano “Everybody get up”.
Lo stesso video dei Five sembra ricalcare, in parte, la storia di quello dei Blackhearts.
Insomma, una canzone, tante versioni, uno solo motto: i Love Rock and roll

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: