Raretracce

Cultura – Politica – Musica / America – Roma – Brindisi

Monumenti cittadini: allarme degrado

Articolo per Agenda Brindisi di questa settimana.

Durante la permanenza negli Stati Uniti, osservando le classiche cittadine americane, mi chiedevo come fosse possibile che territori del tutto sprovvisti di qualsiasi attrattiva storico – culturale riuscissero ad essere meta di enormi flussi turistici. Non era ben chiaro cosa si andasse a visitare ma, qualsiasi cosa fosse, gli americani erano maestri nel pubblicizzarla. Un aspetto che mi portava a provare quasi invidia per la loro capacità nella valorizzazione del nulla.
Qualche anno prima, a Bruxelles, ricordo una lunghissima camminata alla ricerca di un importante monumento cittadino – o almeno in tal modo era pubblicizzato sulle mappe – che alla fine si rivelò essere un vecchio e sporco muro di qualche decina di metri.
Pensando al nostro territorio avviene l’esatto contrario: mi chiedo come sia possibile riuscire a non ottimizzare al meglio le tante risorse che questa città ci offre.  Non mi riferisco unicamente alla rivalutazione storica del nostro territorio ma anche alla mera valorizzazione dei nostri beni architettonici. Talvolta sembra quasi mancare quella voglia di rivendicare con orgoglio le proprie origini e tradizioni, di pubblicizzarle e saperle “vendere” con intelligenza.
Focalizzandosi sui nostri monumenti cittadini, mentre torna d’attualità il tema dei lavori a ridosso della Fontana Tancredi e resta sempre aperto quello sull’abbattimento del capannone Enel adiacente a Porta Napoli, rattrista constatare lo stato di abbandono nel quale si trovano tante altre zone storiche della città.
Più di un anno fa evidenziai la situazione di degrado di Porta Lecce, deturpata da scritte sui muri, faretti distrutti e sporcizia ovunque. E pensare che fino alla passata estate abbiamo avuto il coraggio di far passare in questa zona anche il trenino dei croceristi. Discorso simile per i giardini che costeggiano via del mare, adiacenti ai Bastioni e comprensivi di un parco giochi (o quel che ne resta) a disposizione dei più piccoli.
Anche in questo caso la sporcizia e il degrado la fanno da padroni, in una zona da poco rimessa a lustro, tra le prime ad essere attraversate da turisti e forestieri che parcheggiano nel nuovo spazio di Via Spalato.
Insomma, mentre giustamente focalizziamo l’attenzione sui tanti spazi in abbandono come il Collegio Navale, il Castello Aragonese o gli altri sopracitati, rischiamo di dimenticare che la sciatteria, unita alla maleducazione dei nostri cittadini, sta consegnando intere zone monumentali al degrado.
Anche quelle che, almeno in teoria, dovrebbero essere in buono stato.
E invece quanto costerebbe intervenire con operazioni mirate? Ridipingere i muri adiacenti a Porta Lecce o tagliare l’erbaccia cresciuta sulle scale della Chiesa di San Paolo? Nulla.
Gesti semplici, dal costo più che contenuto, che dovrebbero essere tra le priorità di un’amministrazione.
E invece resta tutto com’è. Probabilmente, come accade anche a Roma, devono essere le associazioni di volontari e cittadini a curare gli spazi pubblici, nella vana attesa che arrivi qualche cenno dal Comune.
Nella capitale ne sono nate tante: dal gruppo “Retake”, specializzato nello staccare gli adesivi, coprire le scritte sui muri e dipingere l’arredo urbano, sino al più semplice “Tappami”, indirizzato alla copertura delle buche stradali, che a Roma sono più di quelle di Bagdad.
Insomma, anche in questo caso, la somiglianza con la nostra Capitale è tanta. E anche questa volta non per motivi dei quali andare fieri.

 

articolo-7

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: